Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

FacebookTwitter
Mercoledì, 02 Settembre 2015 06:34

Piani di gestione locale Campania

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il Mipaaf ha approvato il 14 agosto scorso i Piani di gestione locale della pesca della Regione Campania.

I Piani, in tutto 10, sono proposti da Consorzi già formati o da formare e prevedono la costituzione di "Organismi di Governance".

La disorganizzazione e il mancato coinvolgimento delle rappresentanze locali della pesca ricreativa in questo contesto hanno certamente favorito l'unilateralità delle posizioni espresse nei Piani. Le citazioni riguardanti la pesca ricreativa convergono verso uno standard adottato nel comparto pesca ed impongono come di consueto la necessità di introdurre argomenti ampiamente discussi anche in sede Europea ma ancora sconosciuti o ignorati in molte realtà locali.

Ad esempio nel Piano Piccola Pesca Salerno a pagina 15 si legge che "quantificare i danni della pesca sportiva/dilettantistica appare piuttosto difficile vista la mancanza di dati storici e attuali..."

Nel Piano di gestione Piccola Pesca nel Compartimento Marittimo di Napoli a pagina 45 si legge che "soprattutto nei mesi estivi la presenza di dilettanti che esercitano la pesca assume una presenza massiccia tanto da porre un serio problema al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità posti dal Piano di Gestione".

Il concetto sotteso e pregiudizialmente assunto in mancanza di qualsiasi dato scientifico di supporto è che la pesca ricreativa fa "danno" e mette a rischio la sostenibilità della pesca.

Tutto evidentemente ruota intorno allo sfruttamento commerciale ed è palese la mancanza di conoscenza del settore ricreativo prima di tutto perché manca qualsiasi riferimento all'economia della pesca ricreativa, al suo rapporto con lo sforzo di pesca riferito agli stock delle diverse specie ittiche ed al suo potenziale di sviluppo sostenibile a favore delle comunità locali.

L'impostazione monolitica della gestione della pesca a fini commerciali non riesce ad integrare tra i suoi riferimenti quello del valore economico della pesca ricreativa e delle sue prospettive per il turismo.

La centralità della pesca commerciale lascia comunque aperta la porta agli altri portatori di interessi dove i Piani indicano che negli Organismi di Governance "se necessario potranno essere coinvolti nella governance altri stakeholders" (es. Piccola Pesca Salerno pag 25).

La speranza è che nelle sedi locali la pesca ricreativa possa trovare risorse e spazi utili ad intervenire direttamente presso gli Organismi di Governance come settore di pesca operante nell'area che in quanto tale è "necessario" venga coinvolto.

Letto 2935 volte

Tag tonno rosso

Album fotografico

stop view
/
      ozio_gallery_fuerte
      Ozio Gallery made with ❤ by turismo.eu/fuerteventura

      Puoi sostenere il lavoro di APR
      con una donazione

      Sostengono APR

      Poster UE
      Pesci del Mediterraneo
      Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

      -

      Glossario scientifico GFCM in inglese