Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

FacebookTwitter
Lunedì, 27 Ottobre 2014 00:00

Stop agli incentivi per l'idroelettrico che danneggia i fiumi

Vota questo articolo
(0 Voti)

Martedì 28 ottobre dalle ore 13.00 alle ore 14.00 presso la sala stampa di Montecitorio si terrà la conferenza: "Stop agli incentivi per l'idroelettrico che danneggia i fiumi"

Cento associazioni, tra le quali Alleanza Pescatori Ricreativi presentano l'appello per la salvaguardia dei corsi d'acqua dall'eccesso di sfruttamento idorelettrico.

L'appello sarà illustrato da Andrea Goltara (CIRF),  Edoardo Zanchini (Legambiente), Andrea Agapito (WWF), Ugo Claudio Matteoli (FIPSAS), Paolo Carsetti (Forum italiano dei movimenti per l'acqua) e Lucia Ruffato ( Comitato Bellunese Acqua Bene Comune).

 

Scarica l'invito per la stampa

 

Il 30 settembre scorso gli europarlamentari Marco Affronte, Ignazio Corrao e Marco Zullo, su richiesta di APR hanno presentato al Parlamento Europeo una interrogazione con richiesta di risposta scritta.

La comunicazione 2014/C 200/01 sugli aiuti di Stato a favore dell'ambiente e dell'energia 2014-2020, punto 117, afferma che: «Gli aiuti per la produzione di energia idroelettrica possono avere un duplice impatto: da un lato, un impatto positivo in termini di emissioni ridotte di gas a effetto serra e, dall'altro, un possibile impatto negativo sui sistemi idrici e sulla biodiversità. È pertanto necessario che, nel concedere aiuti per la produzione di energia idroelettrica, gli Stati membri rispettino la direttiva 2000/60/CE, in particolare l'articolo 4, paragrafo 7, che definisce i criteri per l'ammissibilità di nuove modifiche relative ai corpi idrici.»

Può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

  • 1.     È al corrente del fatto che gli incentivi cosiddetti «feed in tariff» hanno portato a un notevole incremento di micro impianti idroelettrici là dove la sola resa non ne giustificherebbe la costruzione e che tali incentivi possono avere effetto di «concorrenza sleale» nei confronti dello sfruttamento di altre forme rinnovabili di energia?
  • 2.     Alla luce della comunicazione citata in introduzione, è corretto ritenere che la Commissione reputi condizione necessaria e legalmente vincolante, da parte degli Stati membri, il rispetto della direttiva 2000/60/CE, in particolare l'articolo 4, paragrafo 7, ai fini della concessione degli incentivi, includendo fra essi i «feed in tariff»?

 

Interrogazione parlamentare: "Incremento dei micro impianti idroelettrici"

 

 

Letto 4179 volte

Tag tonno rosso

Album fotografico

stop view
/
      ozio_gallery_fuerte
      Ozio Gallery made with ❤ by turismo.eu/fuerteventura

      Puoi sostenere il lavoro di APR
      con una donazione

      Sostengono APR

      Poster UE
      Pesci del Mediterraneo
      Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

      -

      Glossario scientifico GFCM in inglese