Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

FacebookTwitter

L'attenzione che a livello europeo viene riservata alla questione delle specie aliene invasive si evidenzia nella presenza di tale argomento come priorità  nella agenda delle istituzioni sovranazionali e nelle Convenzioni.

Pubblicato in News
Martedì, 07 Dicembre 2010 17:12

Passaggi per pesci

Passaggi per pesci

Tra le regole fondamentali ed ineludibili di una buona gestione delle risorse della pesca e degli ambienti che le sostengono c'è il mantenimenti ed il ripristino della continuità fisica delle aste fluviali.

I nostri fiumi e torrenti sono frequentemente interrotti da dighe e briglie che impediscono il libero spostamento della fauna ittica tra diverse parti del bacino idrografico.
Il problema riguarda molte specie, dai salmonidi delle acque montane ai ciprinidi del piano alle specie di risalita.

In particolare queste ultime risultano fortemente minacciate e la loro presenza in larga parte delle nostre acque interne è drasticamente ridotta e limitata ad areali ristretti a causa degli sbarramenti che ne impediscono la risalita. 

Come pescatori ci troviamo privati di una consistente fetta di risorse, tra cui alose (cheppie) cefali, spigole, e il problema può essere posto anche per specie ad altissimo rischio come l'anguilla e lo storione.

Gli interventi per la realizzazione di opere di risalita degli sbarramenti, denominate Passaggi per Pesci, sono di competenza delle amministrazioni locali e la loro efficacia non è garantita da normative e disciplinari specifici.

Come realizzato in altri stati dell'Unione Europea è necessario che l'Italia si doti di uno Piano nazionale per la realizzazione dei passaggi per pesci su tutte le opere che lo richiedono.

La progettazione e costruzione dei passaggi devono essere sottoposte a prescrizioni tecniche che evitino il diffuso fenomeno di inefficacia pratica. 

APR sta collaborando con esperti in materia di passaggi per pesci per elaborare una proposta di pianificazione nazionale.

Pubblicato in Aree tematiche
Venerdì, 03 Dicembre 2010 11:50

Meeting EAA - Novembre 2010

Il 25 e 26 novembre 2010 si è tenuta a Londra, ospiti di Angling Trust, la riunione periodica dei settori Mare e Fiumi della EAA European Anglers Alliance.

Sono intervenuti, in rappresentanza delle varie organizzazioni europee riunite in EAA:

Pubblicato in News
Giovedì, 02 Dicembre 2010 00:00

SOS Centraline

SOS CENTRALINE

 

Il micro idroelettrico è un problema che sta mettendo in ginocchio la maggior parte delle acque interne europee.

E' un fenomeno in crescita esponenziale che tende a svilupparsi senza controllo a causa della mancanza di piani nazionali e di competenza reale degli enti preposti all'approvazione dei nuovi progetti.

Le leggi regionali in materia stanno lentamente introducendo obblighi relativamente ai passaggi per pesci e al deflusso minimo vitale, obblighi che riescono  troppo spesso ad essere parzialmente aggirati dai proponenti pur rientrando nei confini di legalità.

Durante la fase di Verifica di Impatto Ambientale (VIA) di un nuovo progetto, del quale si può venire a conoscenza dalle amministrazioni provinciali che hanno l'obbligo di pubblicazione, è possibile e doveroso farsi sentire con Osservazioni sul Progetto.

APR, Alleanza Pescatori Ricreativi mette a disposizione un servizio di consulenza per tutti coloro che vorrebbero fare qualche cosa ma che ancora non sanno come orientarsi.

Ricordiamo che la competenza in materia è a livello regionale, le normative a cui fare riferimento sono normative regionali.

Per avere assistenza scrivere a:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Aree tematiche

Riteniamo significativo pubblicare integralmente il testo (tradotto dall'inglese) di una lettera pervenuta ad EAA e ad altre organizzazioni che saranno parte attiva di un progetto di durata triennale che dovrebbe aiutare finalmente ad affrontare la questione Cormorani in relazione alla pesca e all'acquacoltura. Tale lettera pone in giusta evidenza l'importanza dell'apporto dei pescatori ricreativi  al pari dell'apporto di altri soggetti interessati in riferimento alla questione 'cormorani'.

Gruppo di collegamento dei soggetti interessati.
Alle Organizzazioni che fanno parte del gruppo di collegamento dei soggetti interessati.

Per conto dell'Istituto di Ricerca Ambientale Nazionale, Università Aarhus, Danimarca e il Centro per L'ecologia e l'idrologia, Consiglio di Ricerca dell' Ambiente Naturale, Regno Unito,  vi informiamo che il nostro consorzio è stato scelto per iniziare il nuovo progetto "Gestione sostenibile delle popolazioni di cormorani". Il progetto è iniziato e finanziato dalla Commissione Europea e durerà per tre anni.

Durante la preparazione della nostra offerta (maggio-giugno  2010) siamo rimasti in contatto con la vostra organizzazione perché abbiamo voluto coinvolgere nel progetto i soggetti interessati. La vostra organizzazione ha risposto positivamente al nostro suggerimento di formare un gruppo di collegamento dei soggetti interessati relativamente al progetto se avessimo avuto successo nella nostra offerta.

Il materiale accluso è una breve descrizione del progetto e del gruppo di soggetti interessati programmato.

Per ulteriore comunicazione rispetto al progetto, per favore contattate:

Dott. Thomas Bregnballe, NERI, Università  di Aarhus

Gli anglers europei, riuniti in EAA, hanno svolto un importante lavoro di lobby per circa 20 anni perchè un progetto come quello sotto riportato prendesse corpo.

Pubblicato in News
Mercoledì, 17 Novembre 2010 13:36

Specie alloctone e invasive nell'agenda della UE

La Commissione ha ricevuto richiesta dagli Stati membri di portare avanti una strategia per le specie invasive nel 2011, come componente della strategia per la biodiversità post-2010.
Di Jan Kappel*

Pubblicato in News
Mercoledì, 29 Settembre 2010 00:00

EIFAC - Codice di pratica per la pesca ricreativa

Titolo originale: EIFAC Code of pratice for recreational fisheries

Pubblicato in Documenti FAO

EIFAC - Technical Guidelines for assessing social economic benefits of European inland recreational fisheries - 2010EIFAC Occasional Paper No. 46 SEC/EIFAC/OP46 (En) ISSN 0285-6096

 

Pubblicato in Documenti FAO

Tag tonno rosso

Album fotografico

stop view
/
      ozio_gallery_fuerte
      Ozio Gallery made with ❤ by turismo.eu/fuerteventura

      Puoi sostenere il lavoro di APR
      con una donazione

      Sostengono APR

      Poster UE
      Pesci del Mediterraneo
      Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

      -

      Glossario scientifico GFCM in inglese