Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

FacebookTwitter
Venerdì, 25 Novembre 2016 16:44

Pesce spada come il tonno rosso

Vota questo articolo
(0 Voti)

Nella riunione annuale di novembre 2016 in Portogallo, l’ICCAT – International Commission for the conservation of the Atlantic Tunas – ha per la prima volta introdotto dei limiti di cattura (TAC) per il pesce spada (Xiphias gladius) del Mediterraneo per il periodo che va dal 2017 al 2031, quindi per i prossimi quindici anni.

I dati scientifici attualmente disponibili evidenziano lo stato di criticità della risorsa, la cui necessità di tutela è da diversi anni oggetto di campagne specifiche da parte di alcune tra le principali ONG ambientaliste internazionali, una fra tutte OCEANA.

Innanzi tutto è importante sapere che a questa raccomandazione dovrà sottostare sia l’Unione Europea sia i paesi non europei che sono Contracting Parter (CPC) nei confronti dell’ICCAT (quindi anche Tunisia, Algeria, Marocco etc).

Ma cerchiamo di capire in dettaglio quali sono le novità introdotte dalla raccomandazione ICCAT e come il settore della pesca ricreativa dovrà adeguarvisi.

Già nel 2017 è definito un limite totale di cattura (TAC) per lo spada nel Mediterraneo di 10500 tonnellate che dovranno essere allocate tra i vari CPC, la quota totale sarà progressivamente ridotta del 3% annuo nel periodo 2018-2022. La raccomandazione resterà attiva fino a quando non sarà emendata da una nuova raccomandazione in cui verrà definito il nuovo limite totale di cattura.

Nel febbraio 2017 verrà attivato un apposito gruppo di lavoro all’interno dell’ICCAT che dovrà definire:

  • - un equo criterio di allocazione delle quote
  • - la ripartizione della TAC tra le varie parti contraenti (Unione Europea e altri Paesi)
  • - un meccanismo per la gestione delle TAC

 

Capacità della flotta

La flotta che pesca lo spada dovrà essere progressivamente ridotta ( in Italia era stata ridotta con il decreto 3 giugno 2015 che aveva istituito un elenco di poco più di 800 pescherecci autorizzati alla pesca del pesce spada) e ciascun Paese contraente (quindi nel nostro caso l’Unione Europea) dovrà inviare all’ICCAT un elenco di pescherecci autorizzati. In aggiunta a questi l’Unione Europea entro il 15 gennaio 2017 dovrà stilare un elenco di pescherecci di lunghezza inferiore ai 7 mt fuori tutto da autorizzare alla pesca dello spada. A partire dal 2018 ciascuna parte contraente dovrà inviare queste liste all’ICCAT entro il 15 marzo di ogni anno.

Verrà definito anche un elenco di imbarcazioni specificamente autorizzato alla pesca del Tonno alalunga.

Periodo di chiusura

Novità sono introdotte per quanto riguarda il periodo di chiusura della pesca, le parti contraenti (nel nostro caso l’Unione Europea) potranno decidere tra due possibilità per quanto riguarda il periodo di chiusura:

  • - periodo di chiusura dal 1 ottobre al 30 novembre e dal 15 febbraio al 31 marzo
  • - o in alternativa periodo di chiusura dal 1 gennaio al 31 marzo di ogni anno

Si conferma a supporto della protezione dei giovanili la chiusura della pesca all’Alalunga (Thunnus alalunga) dal 1 ottobre al 30 novembre di ogni anno.

I periodi di chiusura lo ricordiamo si applicano sia alla pesca commerciale che alla pesca ricreativa e sportiva. In questi periodi la legge dice che è vietato catturare, tenere a bordo, trasbordare o sbarcare.

Pesca ricreativa e sportiva

La pesca ricreativa e sportiva viene ora regolata come per il tonno rosso.

Nel rispetto delle quote ad essa assegnate (speriamo):

Va rispettato il periodo di chiusura una volta che verrà definita dall’Europa quale tra le due possibili scelte.

Verrà istituita una lista di imbarcazioni autorizzate alla pesca ricreativa allo spada contenente le seguenti informazioni:

  • - Nome dell’imbarcazione o numero di registro
  • - Numero ICCAT (se applicabile)
  • - Nome precedente dell’imbarcazione (se presente)
  • - Lunghezza
  • - Nome ed indirizzo del proprietario o di chi ne ha l’utilizzo continuativo

L’UE dovrà inviare l’elenco aggiornato ad ICCAT. Le barche che non sono presenti in tale elenco non potranno pescare pesce spada.

L’unico attrezzo autorizzato per la pesca sportiva e ricreativa al pesce spada è la canna da pesca.

Il limite giornaliero è, come per il tonno, 1 pesce per imbarcazione al giorno. Delle catture dovrà essere compilato apposito foglio di cattura su cui sono indicate le misure del pesce.

Come per il tonno rosso, lo sbarco dovrà essere effettuato nel luogo designato previa comunicazione con la capitaneria di competenza.

In caso di cattura accidentale o in mancanza di autorizzazione, di cattura accidentale in periodo di chiusura o di esemplari sotto taglia è fatto obbligo di rilasciare il pesce vivo nelle migliori condizioni.

E’ vietata la vendita degli esemplari catturati senza alcuna eccezione.

Letto 8863 volte

Tag tonno rosso

Album fotografico

stop view
/
      ozio_gallery_fuerte
      Ozio Gallery made with ❤ by turismo.eu/fuerteventura

      Puoi sostenere il lavoro di APR
      con una donazione

      Sostengono APR

      Poster UE
      Pesci del Mediterraneo
      Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

      -

      Glossario scientifico GFCM in inglese