Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

FacebookTwitter
Domenica, 24 Gennaio 2016 20:09

Pesca a mosca, terapia per corpo e mente

Vota questo articolo
(5 Voti)
Questo il tema dell’incontro che si è tenuto il 24 gennaio 2016 in occasione della fiera Mondo Pesca.
Graditi ospiti, dal Regno Unito, Jill Grieve direttrice del progetto Casting for Recovery UK & Ireland e Sally  e Tony Pizii, istruttori di pesca a mosca della associazione inglese Angling Trust.
Casting for Recovery è un progetto nato 20 anni fa negli Stati Uniti e diffuso ormai in Canada, Regno Unito e Irlanda, Nuova Zelanda e Australia. La pesca a mosca a supporto della riabilitazione delle donne operate di cancro al seno.
L’incontro, patrocinato dalla Fiera di Carrara e fortemente voluto dalle associazioni APR Alleanza Pescatori Ricreativi e Fishing Ladies, aveva lo scopo di presentare in Italia questo progetto per raccogliere l’interesse per un futuro concreto sviluppo anche qui da noi.
 
La padrona di casa Daniela Ferrando, presidente delle Fishing Ladies, ha presentato la sua associazione e ha introdotto coloro grazie ai quali è stato possibile l’incontro: il Presidente di Carrara Fiere, Dott. Fabio Felici, Gabriella Monti e Laura Malavolta dell’Ufficio Comunicazione e Marketing di Carrara Fiere, Jill Grieve della Countryside Alliance/Casting for Recovery  e Sally e Tony Pizii di Casting for Recovery UK & Ireland, Laura Pisano di APR Alleanza Pescatori Ricreativi, e le dottoresse Francesca Federici, oncologa, e Roberta Crudeli, Responsabile Infermieristica del Dip. Oncologia dell’Ospedale di Carrara. Ha ringraziato  il CIPM Club Italiano Pescatori a Mosca nella persona di Massimo Maggiani per l’entusiasmo e la disponibilità  subito dimostrata dal CIPM verso l’iniziativa. 
 
In apertura il gradito intervento del Dott. Felici che ha voluto porre l’attenzione sull’importanza di questo evento in Mondo Pesca Expo, che insieme a Mondo Caccia e Tour.it compone il grande  Salone “Vita all’aria aperta”.
 
“Attraverso questa fiera noi vogliamo parlare della qualità della vita attraverso attività tradizionali all’aria aperta come la pesca e la caccia, e attraverso uno specifico turismo che cerca un contatto diretto con la natura” ha detto, “è molto interessante, ed è un privilegio per noi, capire come l’ attività di pesca a mosca possa influire positivamente sul benessere delle donne in un particolare e delicato momento della loro vita, migliorandone la qualità ed aiutandole ad affrontare la malattia con più grinta e positività”.
 
L’intervento di Jill Grieve,  con traduzione sequenziale della chiarissima  Carolina Meanti che ha fornito il servizio di interpretariato, è stato molto accurato ed accompagnato da slide che illustravano le varie fasi del progetto.
Il cancro al seno è ancora una delle principali cause di morte nelle donne europee, anche se la medicina e la diagnosi precoce stanno aiutando a ridurre sensibilmente i livelli di mortalità. Il progetto, destinato alle donne in fase di recupero post operatorio è articolato in 2 giorni e mezzo di ritiro totalmente gratuito per le partecipanti. Il gruppo è composto al massimo di  14 donne. Le accompagnano istruttori di pesca a mosca e personale medico di supporto. La location è tenuta in alta considerazione, deve essere un luogo rilassante, possibilmente lontano dalla città, solitamente in rinomati luoghi di pesca. Nei giorni del ritiro si alternano momenti di istruzione della tecnica della pesca a mosca a momenti di terapia psicologica di supporto. I benefici derivano da vari fattori: la condivisione, il supporto psicologico, l’attività dolce all’aria aperta, la possibilità di “staccare la spina” per 3 giorni concentrando la propria attenzione su qualcosa di coinvolgente e diverso dalla malattia. Anche le donne che hanno approcciato il corso in modo più diffidente alla fine dei 3 giorni hanno mostrato cambiamenti nell’umore e maggiore positività nell’approccio al futuro che le aspetta.
Potete scaricare l’intero intervento di Jill Grieve e la presentazione in Inglese in pdf in fondo alla pagina.
 
La dottoressa Roberta Crudeli del Reparto Oncologico dell’ospedale di Carrara ha illustrato, con meritato orgoglio, le attività ‘extra mediche’ del loro gruppo noto per essere all’avanguardia nell’apertura verso terapie a supporto della vera e propria cura. Dalle pareti colorate del reparto “per non far sentire il paziente in un freddo ospedale” al  “Donatori di  Musica” grazie al quale hanno portato in Reparto concerti effettuati a titolo volontario da artisti di rilievo del panorama nazionale, alla pet therapy con la presenza di cani in Reparto, al fare attività artistica e, con coinvolgimento quasi esclusivo delle pazienti donne, la partecipazione all’iniziativa nazionale “La sciarpa rosa”.
 
“L’approccio psicologico positivo” ha detto “costituisce il 50% della cura. Per questo noi ci crediamo e lavoriamo su questo così tanto.”
 
La dottoressa Francesca Federici ha illustrato le varie fasi del percorso di cura del cancro al seno, dalla diagnosi, alla chirurgia, al post operatorio, evidenziando la multidisciplinarietà che vede più specialisti sul fronte della cura. 
Entrambe si sono mostrate entusiaste del progetto che porteranno ai loro direttori sanitari e per il quale hanno fin d’ora mostrato l’interesse e l’intenzione di attuarlo, in collaborazione con la  associazione di Carrara Il volto della speranza, con la clausola che il primo progetto sia proprio a Carrara, con il coinvolgimento del Reparto Oncologico e delle persone oggi presenti a questo incontro.
 
Sally e Tony hanno fatto una simpatica dimostrazione della cattura di un pesce, evidenza di come, istruttori empatici e motivati, possano portare il sorriso a donne in momenti di grave difficoltà emotiva e psicologica attraverso un’arte antica e semplice come la pesca con la mosca.
 
E’ motivo di orgoglio per noi di APR Alleanza Pescatori Ricreativi, essere stati motore trainante di questo primo incontro, che si è potuto realizzare solo grazie al lavoro di squadra svolto con le Fishing Ladies e Carrara Fiere, ed è un immenso onore per noi aver incontrato personalmente i “colleghi” inglesi che così tanto fanno per le donne attraverso la pesca a mosca.
 
 
 
 
Letto 3883 volte

Tag tonno rosso

Album fotografico

stop view
/
      ozio_gallery_fuerte
      Ozio Gallery made with ❤ by turismo.eu/fuerteventura

      Puoi sostenere il lavoro di APR
      con una donazione
      Poster UE
      Pesci del Mediterraneo
      Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

      -

      Glossario scientifico GFCM in inglese