Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

FacebookTwitter
Giovedì, 12 Febbraio 2015 00:00

Carpa (para) autoctona

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il problema delle specie aliene invasive è tra le priorità di intervento europee e nazionali in tema di gestione della fauna ittica. Se in Italia il problema maggiore è quello del siluro, si è recentemente riacceso un dibattito intorno alla alloctonia della Carpa (Cyprinus carpio).

L'argomento ha già i suoi riferimenti scientifici come riscontrabile su:
Quaderni di conservazione della Natura n. 27 Linee Guida per l'immissione di specie faunistiche (Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in collaborazione con l'ex Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica oggi ISPRA)
 

6.1.2 Specie parautoctone
L’art. 2, comma 1, lett. o-sexies del DPR 357/97, così come integrato e modificato dal DPR 120/03, definisce autoctone le popolazioni o specie facenti parte, per motivi storico-ecologici, della fauna e flora italiana; tutte le popolazioni o specie non facenti parte di tale categoria  devono essere considerate alloctone.

In riferimento a tale dettato normativo ed alle definizioni tecniche approvate a livello nazionale (AA.VV., 1997 Suppl. Ric. Bio. Selvaggina, XXVII: 897-905) si ritiene possano essere considerate autoctone quelle specie, sottospecie o popolazioni naturalmente presenti sul territorio nazionale o su partedi esso, nel quale si siano originate o vi siano giunte senza l'interventodiretto (intenzionale o accidentale) dell'uomo.

Si ritiene altresì che possano essere considerate autoctone ai sensi del DPR 120/03 le specie parautoctone, ossia quelle specie animali o vegetali che, pur non essendo originarie del territorio Italiano, vi siano giunte - per intervento diretto intenzionale o involontario dell’uomo – e quindi naturalizzate in un periodo storico antico (anteriormente al 1500 DC).

Infine, vanno considerate parautoctone le specie introdotte e naturalizzate in altri paesi prima del 1500 DC e successivamente arrivate in Italia attraverso naturali fenomeni di espansione.

Quello che risulta quindi dalle citate linee guida, Allegato 1, è che la Carpa (Cyprinus carpio) in Italia, sia dal punto di vista scientifico che gestionale può essere considerata una specie autoctona.

In questo dibattito occorre anche considerare che la classificazione di specie autoctone, parautoctone e alloctone è di pertinenza esclusiva dello Stato come sancito dalla sentenza della Corte Costituzionale 30/2009 avversa alla Regione Veneto.

 
 
 
Letto 6493 volte

Tag tonno rosso

Album fotografico

stop view
/
      ozio_gallery_fuerte
      Ozio Gallery made with ❤ by turismo.eu/fuerteventura

      Puoi sostenere il lavoro di APR
      con una donazione

      Sostengono APR

      Poster UE
      Pesci del Mediterraneo
      Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

      -

      Glossario scientifico GFCM in inglese