Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

FacebookTwitter
Giovedì, 02 Ottobre 2014 00:00

Adottato dal Consiglio Europeo il regolamento sulle IAS

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il Consiglio Europeo ha adottato la Proposta di Regolamento, approvata il 16 aprile scorso dal Parlamento Europeo, relativo alle specie invasive IAS (Invasive Alien Species). Il testo del regolamento a breve sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea.

Con nota ST 13630/14 Press 483 il Consiglio Europeo annunvia l'adozione del regolamento sulle specie aliene invasive (IAS). (Di seguito la traduzione a cura del Dott. Luca Ciuffardi – Ittiologo, collaboratore scientifico di APR)

In data 29 settembre 2014 il Consiglio Europeo ha adottato il Regolamento relativo alla prevenzione e alla gestione dell'introduzione e della diffusione di specie alloctone invasive sul territorio dell’UE. Il regolamento stabilisce norme per prevenire, ridurre e mitigare gli impatti negativi legati all’introduzione e alla diffusione, sia intenzionale che involontaria, di specie esotiche invasive impattanti sulla biodiversità  e sui relativi servizi ecosistemici, nonché capaci di generare altri effetti negativi sulla salute umana o  sull’economia.
La Commissione adotterà un elenco aperto di specie esotiche invasive di interesse comunitario, che sarà  regolarmente aggiornato e rivisto almeno ogni sei anni. Le specie contenute in questo elenco non potranno  essere intenzionalmente introdotte nel territorio dell'Unione Europea, né potranno essere mantenute,  allevate, trasportate, immesse sul mercato, accresciute o rilasciate nell'ambiente.  Il nuovo Regolamento prende in considerazione anche le specie esotiche invasive di interesse regionale o  che costituiscono una minaccia per uno Stato membro; il nuovo strumento normativo consente agli Stati  membri di identificare, dalla loro lista nazionale delle specie esotiche invasive, specie autoctone o alloctone  per l'Unione che richiedono una maggior cooperazione a livello regionale, che verrà così agevolata dalla  Commissione.
Il Regolamento stabilisce inoltre un sistema di sorveglianza per la diagnosi precoce e per l’applicazione di  misure idonee finalizzate ad una rapida eradicazione degli alloctoni; gli Stati membri dovranno prevedere  sanzioni se il Regolamento non verrà correttamente applicato. Il nuovo Regolamento prevede infine  l’applicazione di un sistema di autorizzazioni e permessi in modo da consentire alcune attività basate  sull’impiego di specie esotiche invasive.
La Commissione valuterà l'applicazione del presente Regolamento entro il 1 giugno 2021.

 

Con un comunicato stampa (Statement 14/286) La Commissione accoglie con favore l'adozione da parte del Consiglio del Regolamento sulle specie aliene invasive.

Così si esprime il Commissario all'ambiente Janez Potocnik:

"Questo nuovo regolamento colma una lunga riconosciuta lacuna nella tutela della biodiversità nell'UE. E' accuratamente mirato, concentrandosi sulle più gravi minacce procurate dalle specie invasive. Lavorando insieme all'interno dell'UE per affrontare un problema che è stato valutato avere un costo di 12 miliardi di euro ogni anno, è stato compiuto un passo decisivo verso il raggiungimento del nostro obiettivo di arrestare la perdita di biodiversità nell'UE entro il 2020."




A breve il regolamento verrà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea.

Letto 2732 volte

Tag tonno rosso

Album fotografico

stop view
/
      ozio_gallery_fuerte
      Ozio Gallery made with ❤ by turismo.eu/fuerteventura

      Puoi sostenere il lavoro di APR
      con una donazione

      Sostengono APR

      Poster UE
      Pesci del Mediterraneo
      Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

      -

      Glossario scientifico GFCM in inglese