Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

FacebookTwitter
Martedì, 24 Giugno 2014 00:00

Spigola e piano di gestione nord europeo

Vota questo articolo
(0 Voti)
La spigola  è una delle specie più importanti per la pesca ricreativa  e per  il business che da essa deriva a livello europeo. 
Attualmente gli Stati Europei stanno lavorando allo sviluppo di un piano di gestione  ruguardante però solo le acque europee nord atlantiche (Mare d'Irlanda, Mar Celtico, Canale d'Inghilterra e parte meridionale del Mare del Nord).
 
In queste aree la spigola è stata principalmente sfruttata dai pescatori ricreativi fino a quando la pesca commerciale per questa specie non ha subito una impennata negli anni '60 - '70. Ad oggi gli stock sono in declino a causa della sovra pesca e della scarsa attività riproduttiva di questi ultimi anni. 

Il mondo scientifico, la Commissione Europea e anche i pescatori ricreativi europei riuniti sotto la European Anglers Alliance sostengono la necessità di intervento.

Sviluppare un appropriato piano di gestione non è compito semplice a causa, soprattutto, della carenza di informazioni scientifiche.
Il piano di gestione attualmente in lavorazione riguarda le acque nord europee, ma le spigole si trovano in tutti i mari europei, conseguentemente dovrà essere gradualmente sviluppato un piano di gestione della spigola per tutti i bacini ricadenti nella giurisdizione dell'Unione Europea.
 
Nel caso in cui non sarà possibile sviluppare ed adottare un appropriato piano di gestione, la Commissione EU introdurrà un sistema di quote. La European Anglers Alliance è contraria al sistema di quote per diverse ragioni, e ha sviluppato una propria posizione ufficiale con la speranza che possa  essere d'aiuto per evitare che il sistema di quote sia applicato anche alla spigola e per incoraggiare gli Stati Membri a trovare un accordo su un piano di gestione appropriato. 
 
Le catture commerciali nei mari nord europei sono state,  nel 2012, 4060 tonnellate. L'ICES, l'ente di consulenza per la pesca della Commissione UE, ha definito che nel 2014 gli sbarchi non dovrebbero superare le 2707 tonnellate. Una riduzione significativa che non fa altro che dimostrare che lo stock della spigola europea è in seria difficoltà. 
Nella sua posizione ufficiale la European Anglers Alliance ha stimato il numero di pescatori ricreativi interessati a questa specie e il valore socio-economico di questi pescatori sul totale europeo. Circa 2 milioni di pescatori ricreativi in mare, su un totale di 8-10 milioni, praticano regolarmente o occasionalmente la pesca alla spigola nei mari europei. Circa 1 milione di questi nelle acque oggetto del piano di gestione attualmente in discussione. 
 
La stima prudenziale del valore socio economico per la pesca ricreativa della sola  spigola si aggira intorno ai 100 euro/anno per pescatore ricreativo.
 
Leggi il Comunicato Stampa EAA in lingua inglese.
 
Leggi la posizione ufficiale EAA sulla spigola
Letto 2560 volte

Tag tonno rosso

Album fotografico

stop view
/
      ozio_gallery_fuerte
      Ozio Gallery made with ❤ by turismo.eu/fuerteventura

      Puoi sostenere il lavoro di APR
      con una donazione

      Sostengono APR

      Poster UE
      Pesci del Mediterraneo
      Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

      -

      Glossario scientifico GFCM in inglese