Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

FacebookTwitter
Martedì, 19 Marzo 2013 16:49

'The healthy seas' contro le reti da pesca abbandonate in mare

Vota questo articolo
(0 Voti)

Roma, 18/03/2013. - (Adnkronos) - Secondo un rapporto realizzato da Fo e Unep, le reti dismesse abbandonate alla deriva negli oceani ammontano a circa 640.000 tonnellate, un decimo di tutti i rifiuti presenti in mare.

Si tratta di reti che rimangono nell'ecosistema marino per centinaia di anni, responsabili della cattura accidentale di delfini, tartarughe e uccelli.
Ridurre i rifiuti solidi presenti nei mari e in particolare le reti da pesca, attraverso il recupero e il riciclo del materiale abbandonato, è l'obiettivo del progetto internazionale ''The Healthy Seas, a Journey from Waste to Wear'', iniziativa lanciata da Aquafil, Ecnc Land & Sea Group e Star Sock.


L'iniziativa si articolerà in tre punti: la prima fase, ''Healthy Seas'', si concentrerà su tre aree costiere europee, Mare del Nord (Paesi Bassi e Belgio), Mar Adriatico (Italia, Slovenia e Croazia) e Mar Mediterraneo (Spagna); la seconda individuerà procedure che scoraggino l'abbandono delle reti da pesca in mare agevolando la gestione responsabile delle reti da pesca giunte a fine vita, permettendo il loro recupero e la rigenerazione in nuovi prodotti; durante la terza fase saranno sviluppate proposte concrete per i Governi affinché il lavoro fatto possa trasformarsi in risultati di lungo termine.

Sarà inoltre costituito un fondo ''Healthy Seas'' volto alla sensibilizzazione sui temi della salute e conservazione dei mari, il recupero delle reti da pesca abbandanate e al finanziamento di progetti locali.
Lo sviluppo del progetto prevede che i tre fondatori del consorzio aprano ad altri partner sia del mondo profit sia di quello non profit. Saranno inoltre coinvolte comunità locali, esperti e operatori del settore per la creazione di best practise che consentiranno di migliorare il recupero e la rigenerazione delle reti.
Le reti recuperate sono ancora troppo spesso inviate alle discariche o semplicemente bruciate; attraverso il programma ''Healthy Seas'' verranno invece rigenerate in filo Econyl, materia prima utilizzata per ri-creare prodotti nuovi, come calze, costumi da bagno, biancheria intima e tappeti.

Letto 3479 volte

Tag tonno rosso

Album fotografico

stop view
/
      ozio_gallery_fuerte
      Ozio Gallery made with ❤ by turismo.eu/fuerteventura

      Puoi sostenere il lavoro di APR
      con una donazione

      Sostengono APR

      Poster UE
      Pesci del Mediterraneo
      Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

      -

      Glossario scientifico GFCM in inglese