Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

FacebookTwitter
Giovedì, 03 Gennaio 2013 09:06

I pesci possono realmente provare dolore?

Circolano molti articoli, in particolar modo promossi da un certo mondo animalista,  in riferimento al dolore provato dai pesci, tanto da spingere alcuni ricercatori ad affrontare il problema.
Presentiamo il recentissimo studio pubblicato da:
Rose, J. D., Arlinghaus, R., Cooke, S. J., Diggles, B. K., Sawynok, W., Stevens, E. D. and Wynne, C. D. L. (2012), Can fish really feel pain?. Fish and Fisheries. doi: 10.1111/faf.12010

Passando in rassegna gli studi che affermano che i pesci provano dolore gli autori riscontrano carenze nei metodi utilizzati per l'identificazione del dolore, in particolare per distinguere il rilevamento inconscio di stimoli nocivi (nocicezione) dal dolore cosciente. I risultati sono stati spesso anche male interpretati e non risultano replicabili, così le affermazioni sul dolore provato dai pesci sono prive di fondamento. Problemi analoghi esistono in studi sugli invertebrati. In contrasto, una vasta letteratura che coinvolge interventi chirurgici sui pesci mostra condizioni di normale alimentazione e attività immediatamente o poco dopo l'intervento. I nocicettori  Fibra C, il tipo più diffuso nei mammiferi e responsabile del dolore lancinante negli esseri umani, sono rari nei teleostei e assenti negli elasmobranchi studiati fino ad oggi. I Nocicettori A-delta, non ancora trovati negli elasmobranchi, ma relativamente comuni nei teleostei, probabilmente segnalano lesioni meno nocive, innescando reazioni di fuga e di evitamento. Chiaramente, i pesci sono sopravvissuti bene senza l'intera gamma di nocicezione tipica degli esseri umani o di altri mammiferi, circostanza che bene si accorda con l'assenza di regioni corticali specializzate necessarie per la percezione del dolore nell'uomo. Gli autori valutano le recenti affermazioni sulla coscienza nei pesci, ma trovano in queste affermazioni mancanza di elementi di prova sufficienti, di fattibilità neurologica, o di probabilità che la coscienza sarebbe adattiva. Anche se i pesci fossero coscienti, è ingiustificato assumere che possiedano una capacità percettiva simile a quella umana per il dolore. Nel complesso, le prove comportamentali e neurobiologiche recensite mostrano che  le risposte dei pesci agli stimoli nocicettivi sono limitate e che  è improbabile per i pesci  l'esperienza del dolore.

Link alla pubblicazione: http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/faf.12010/abstract

 

Letto 6304 volte

Puoi sostenere il lavoro di APR
con una donazione

Sostengono APR

Poster UE
Pesci del Mediterraneo
Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

-

Glossario scientifico GFCM in inglese