Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

FacebookTwitter
Giovedì, 09 Maggio 2013 09:48

Catture Globali di Tonno per Stock

La Fao ha reso disponibile una banca dati contenente, per le principali specie commerciali di tonno, le catture nominali per tipo di pesca, specie, stock, nazione e anno, dal 1950 al 2010.

I Tunnidi e le specie affini sono molto importanti economicamente e costituiscono una significativa risorsa alimentare. Comprendono circa quaranta specie presenti negli oceani Atlantico, Indiano e Pacifico e nel Mar Mediterraneo. La loro produzione globale ha avuto la tendenza ad aumentare continuamente da meno di 0,6 milioni di tonnellate nel 1950 al più di 6 milioni di tonnellate oggi.

Pubblicato in News

La pesca ricreativa è definita come pesca di animali acquatici (soprattutto pesci) che non costituiscono risorsa primaria dell'individuo per soddisfare le esigenze nutrizionali di base e generalmente non sono venduti o scambiati sui mercati nazionali, di esportazione o al nero.

Pubblicato in Documenti FAO

L’attenzione sulle responsabilità degli Stati di bandiera

Roma, 28 febbraio 2013 - Dopo anni di negoziati, i paesi hanno fatto un grosso passo avanti contro la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata - (IUU l'acronimo inglese) - una delle minacce più pericolose per una pesca che sia sostenibile e per le condizioni di vita di tutti coloro che da essa dipendono.

Pubblicato in News
Gaudin, C.; De Young, C. - La pesca ricreativa nei paesi del Mediterraneo: rassegna delle normative in vigore.
Recreational fisheries in the Mediterranean countries: a review of existing legal frameworks. - Studies and Reviews. General Fisheries Commission for the Mediterranean. No. 81. - Rome, FAO. 2007 - ISBN 978-92-5-105898-5
Scarica dal sito FAO il documento ufficiale in inglese
Scarica in formato pdf: : Traduzione non ufficiale a scopo divulgativo
Pubblicato in Documenti FAO
Martedì, 15 Maggio 2012 17:31

Memorandum di intesa RAC MED - CGPM

Roma, 15 maggio 2012 - Comunicato Stampa RAC MED  -

IL RAC MED HA FIRMATO IL MEMORANDUM D’INTESA CON LA CGPM

Nel corso della 36° Sessione annuale della CGPM (Commissione Generale della Pesca per il Mediterraneo - FAO), Mourad Kahoul, il Presidente del RAC MED (Consiglio Consultivo Regionale per il Mediterraneo - UE), ha firmato, il 14 Maggio 2012, il Memorandum d’intesa (MoU) tra la CGPM e il RAC MED per migliorare la collaborazione e favorire le sinergie con la CGPM condividendo interessi e obiettivi simili nel bacino del Mediterraneo.

Pubblicato in Newsflash

Londra, 27 agosto. L'Assemblea Generale della European Anglers Alliance approva la Risoluzione EAA sul Tonno Rosso.

La gestione del Tonno Rosso è un tema molto dibattuto ad ogni livello in ambito di politica della pesca europea ed internazionale. "Il tonno rosso deve diventare icona di sostenibilità" come tengono a precisare i numerosi ricercatori coinvolti nel progetto GBYP dell'ICCAT, il principale programma a livello internazionale di studio ai fini del recupero di popolazioni stabili di questa specie.

Pubblicato in News
Lunedì, 16 Gennaio 2012 12:33

Linee Guida FAO - Pesca Ricreativa


Consultazione sulle linee guida FAO per la pesca responsabile: Pesca Ricreativa
(EXPERT CONSULTATION ON THE FAO TECHNICAL GUIDELINES FOR RESPONSIBLE FISHERIES: RECREATIONAL FISHERIES 05 – 06 August 2011, Berlin, Germany)
Aggiornamento 17/01/2012
Report of the Expert Consultation ...
Pubblicato in News
Mercoledì, 02 Febbraio 2011 13:06

Assemblea CCR Med - Rimini 21/02/2011

Il 21 febbraio a Rimini si è tenuta l’assemblea generale del CCR Med il consiglio consultivo regionale del mediterraneo (RAC Med).

E’ stato presentato il nuovo regolamento per l’accettazione dei nuovi membri, con interventi di chiarimento da parte della Commissione UE, fino ad oggi sempre presente alle sedute del CCR Med. Viene auspicato e previsto un progressivo aumento di membri che garantirà anche una maggiore disponibilità di risorse. La partecipazione come membri è sottoposta al riconoscimento da parte delle autorità nazionali del richiedente ma non sono poste soglie di rappresentatività e quindi viene promossa l'adesione anche di organizzazioni di piccole dimensioni.

Vai ai documenti

Pubblicato in News
Lunedì, 14 Febbraio 2011 22:21

FAO: consumo del pesce

FAO - The State of World Fisheries and Aquaculture 2010

Consumo di pesce al massimo storico - Non migliora lo stato degli stock ittici mondiali. Rapporto FAO analizza ultimi dati e tendenze

Roma, 31 gennaio 2011 - A livello mondiale il contributo dei prodotti ittici alla dieta ha raggiunto in media la cifra record di quasi 17 kg a persona, fornendo ad oltre tre miliardi di persone il 15 per cento almeno dell'apporto medio di proteine animali.

Questo incremento è dovuto principalmente alla continua crescita della pesca d'allevamento, che secondo il rapporto FAO "Lo stato della pesca e dell'acquacoltura nel mondo"(SOFIA 2010) pubblicato oggi, supererà presto la pesca di cattura nel consumo di pesce.  Il rapporto sottolinea inoltre che non migliora lo stato degli stock ittici mondiali.


Secondo il rapporto FAO, la pesca e l'acquacoltura nel complesso danno occupazione a circa 540 milioni di persone, vale a dire l'otto per cento della popolazione mondiale.  Mai prima d'ora si è registrato un così alto consumo di prodotti ittici e mai prima d'ora così tante persone sono state coinvolte nel settore o dipendono da esso.

I prodotti ittici continuano ad essere le derrate più scambiate sui mercati, e nel 2008 hanno raggiunto l'ammontare record di 102 miliardi di dollari, un incremento del nove per cento rispetto al 2007.

La percentuale complessiva di stock ittici oceanici sfruttati in eccesso, esauriti o in fase di ricostituzione non è diminuita, secondo il rapporto, al contrario si stima sia leggermente più alta che nel 2006.  Circa il 32 per cento degli stock ittici mondiali risultano sfruttati in eccesso, esauriti o in fase di ricostituzione, e secondo il rapporto necessitano di ricostituirsi al più presto.

Leggi sul sito FAO

Pubblicato in Newsflash
Lunedì, 14 Febbraio 2011 22:04

Riduzione rigetto di pesca

Esperti di pesca d'accordo sui primi orientamenti globali sulla riduzione dei rigetti di pesca

I pescatori necessitano di nuovi metodi per  catturare solo i pesci obiettivo.

Roma, 14 GENNAIO 2011  - I primi orientamenti per la gestione globale di catture accidentali e la riduzione dei rigetti in mare di pesca sono stati rilasciati oggi dalla FAO. Le linee guida che coprono tutti i tipi di catture accessorie, compresi i rigetti, cioè quei pesci che vengono catturati accidentalmente e poi ributtati in mare morti o morenti. La mancata gestione delle catture accessorie minaccia la sostenibilità a lungo termine di numerose attività di pesca e influenza negativamente l’intero settore della pesca.

"Questi sono i primi orientamenti per coprire tutte le specie che finiscono negli attrezzi da pesca", ha detto l’esperto di tecnologia della pesca della FAO Frank Chopin. "Le linee guida estendono i principi di gestione della pesca a tutte le specie e a tutte le aree di interesse. Anche se il codice di condotta per una pesca responsabile già richiama le catture accessorie e i rigetti in mare, queste linee guida elaborano in modo più chiaro i metodi per affrontare le catture accessorie nell’esercizio della pesca". Le linee guida sono un altro passo importante verso l'applicazione di un approccio ecosistemico alla gestione della pesca. Gli impatti sociali, economici e biologici di tali linee guida che sottolineano l’importanza di fare una valutazione della situazione, devono essere studiati caso per caso.

Fonte: UN FAO
Per approfondimenti
UN FAO news, International Development News Today,

Attraverso FISHFIGHT,  Angling Trust, la associazione inglese che rappresenta gli interessi di oltre un milione di pescatori ricreativi in mare, evidenzia la posizione della pesca ricreativa:

Riconosciamo la necessità di una radicale riforma della politica comune della pesca e incoraggeremo qualsiasi campagna che mette come priorità la riduzione della mortalità dei pesci e la riduzione dei rigetti attraverso metodi di pesca più selettivi..
La necessità di ripristinare gli stock ittici al loro stato di possibilità naturale è  nostra priorità.

La pesca ricreativa o sportiva  è lo ‘sfruttamento’ di una risorsa ittica pubblica con il minore  impatto sugli stock, permette la conservazione altamente selettiva, insieme alla soddisfazione di praticare attività all’aperto. E’ obiettivo di Angling Trust  l'attuazione delle misure di gestione della pesca nell'UE e nel  Regno Unito il cui risultato porti al ripristino e all’incremento di pesci più grandi e appartenenti a tutte le classi di età.


http://www.fishfight.net/supporting-organisations/

www.anglingtrust.net


Pubblicato in Newsflash

Puoi sostenere il lavoro di APR
con una donazione

Sostengono APR

Poster UE
Pesci del Mediterraneo
Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

-

Glossario scientifico GFCM in inglese